Scrittura SEO: che cos’è e come funziona

La scrittura SEO è un metodo di scrittura che associa le regole del web writing alle tecniche SEO e fa in modo che ciò che scriviamo sul web piaccia sia ai lettori che a Google. Ecco le basi!

A che cosa serve la scrittura SEO?

La scrittura SEO serve a fare in modo che i testi di un sito siano strutturati secondo le regole della scrittura online (web writing) per rispondere alle esigenze dei lettori e nello stesso tempo siano ottimizzati per i motori di ricerca, il principale dei quali è Google.

Scrivere SEO friendly significa dar vita a testi chiari, agili, autorevoli e strutturati in modo che Google ne capisca il contenuto e il valore. Sia i lettori che Google non potranno che apprezzarli e Google li valorizzerà facendoli uscire nelle prime posizioni dei risultati di ricerca.

L’importanza delle keywords

Le keywords (parole chiave) sono le parole che identificano con precisione un contenuto e agli occhi di Google sono fondamentali per poter rispondere alle ricerche degli utenti con i risultati più pertinenti e autorevoli.

La scrittura SEO cerca per ogni contenuto le parole chiave più pertinenti, scegliendole tra quelle che vengono digitate più spesso sui motori di ricerca, e le fa comparire in diversi punti del contenuto. Oltre che nel testo, è importante che la keyword principale sia nel titolo della pagina (meglio ancora usando il tag H1), nella URL, nelle referenze delle immagini, nel tag title e nella meta description.

Per quanto le keywords siano importanti agli occhi di Google, non bisogna tuttavia usarle in modo eccessivo e spropositato. I primi destinatari di ciò che scriviamo sono infatti i lettori e un testo che continua a ripetere le parole chiave risulterà disarmonico e finirà per essere penalizzato sia dai lettori che da Google.

Keywords principali, secondarie, correlate

Le keywords non hanno tutte lo stesso valore e se ne distinguono principalmente tre tipi: keywords principali, secondarie, correlate.

1. Keywords principali: individuano l’argomento principale di un testo. Per esempio, se si vuole parlare di SEO in generale, la keyword principale potrebbe essere proprio “SEO”.

2. Keywords secondarie: sono keywords che contengono la keyword principale e aggiungono uno o più termini per restringere il campo semantico. Restando nell’esempio precedente, keywords secondarie potrebbero essere “scrittura SEO” e “posizionamento SEO”.

3. Keywords correlate: non contengono la keyword principale ma sono pertinenti all’argomento. Riprendendo l’esempio di prima, keywords correlate rispetto a “SEO” potrebbero essere “link building”, “keywords” e “SERP”.

seo

3 consigli di scrittura SEO

1. Crea contenuti di valore. Quando scrivi, tieni sempre presente che the content is the king e che Google dà risalto ai siti autorevoli. Tratta i tuoi argomenti in modo semplice e chiaro, con l’obiettivo di lasciare ai tuoi lettori qualcosa di utile.

2. Struttura il testo in paragrafi e ripeti le keywords nei titoli. I cosiddetti “muri di testo” non funzionano sul web perché si fa fatica a leggerli. È molto meglio suddividere il testo in brevi paragrafi, usare il grassetto per i concetti chiave e ripetere le keywords nei titoli… senza però esagerare.

3. Applica il metodo della piramide rovesciata. Quando tratti un argomento, parti dall’informazione principale e poi scendi nel dettaglio con le informazioni secondarie. Chi legge online (ma anche Google) vuole capire subito di che cosa stai parlando.

Vuoi saperne di più?

Se vuoi approfondire questo argomento, ti consiglio di leggere Manuale di SEO Gardening di Francesco Margherita, pubblicato dalla casa editrice Dario Flaccovio. E se questo articolo ti è piaciuto, ti invito a leggere il mio articolo SEO: che cos’è e come funziona. Ti aspetto nei commenti!

Tiziana Gilardi
Editor freelance per l’editoria e web editor. Adoro trasformare un testo in un buon testo rendendolo chiaro, efficace e in sintonia con la grafica. E naturalmente senza l’ombra di un refuso. La mia mission: eliminare qualsiasi ostacolo tra il testo e la mente dei lettori e diffondere a piene mani il piacere di leggere.
My Latest Posts
Come nasce un libro?
La regola delle 5 W
prev
next

Lascia un commento

Nome*
Email*
Sito Web

Shares