Come è fatto un libro?

Il libro, di qualsiasi libro si tratti, ha una struttura ben definita e una serie di elementi che non mancano mai e si trovano sempre nella stessa posizione. In questo articolo ti spiego quali sono le principali parti del libro, partendo dalla struttura esterna per poi sfogliare le pagine e descrivere la struttura interna.

La struttura del libro

La struttura esterna del libro comprende la copertina (o meglio “prima di copertina”), il dorso e la quarta di copertina, ossia le parti del libro che formano il suo rivestimento esterno.
Quando si apre il libro, si entra nella sua struttura interna e si incontrano subito le pagine iniziali tra cui il frontespizio, il colophon e il sommario. Ed è a questo punto che comincia il testo vero e proprio del libro, ossia il corpo del testo.

La copertina

Il primo elemento che il lettore incontra è la copertina, importantissimo strumento di comunicazione, talmente importante che ci sono studi grafici specializzati proprio nella creazione delle copertine.

In realtà, quella che di solito chiamiamo “copertina” e dove troviamo il titolo del libro e il nome dell’autore e dell’editore, è propriamente la prima di copertina, mentre il retro (ossia l’ultima pagina del libro) è la quarta di copertina, che ci parla del contenuto del libro. Come puoi immaginare, anche la quarta di copertina è molto importante perché ciò che c’è scritto influisce sulla decisione di scegliere (o non scegliere) il libro.

Tra la prima e la quarta di copertina c’è il dorso, che permette di identificare i libri quando sono sugli scaffali. La prima e la quarta di copertina si prolungano nella seconda e terza di copertina, che sono all’interno del libro e che spesso portano una breve biografia dell’autore e altre informazioni sul contenuto del libro.

Struttura esterna del libro

Le pagine iniziali del libro

Dopo aver analizzato il libro dall’esterno, ora lo apriamo per scoprire quali sono gli elementi principali della sua struttura interna.
Dopo i risguardi, cioè i fogli incollati all’interno della copertina, si incontra il frontespizio, che ripropone i dati presenti sulla copertina, ossia titolo del libro e nome dell’autore e dell’editore. A volte il frontespizio è preceduto dall’occhiello, con il titolo del libro.

Dopo il frontespizio troviamo il colophon, che riporta il copyright, i dati dell’editore e dello stampatore, l’ISBN e i nomi di chi ha collaborato alla realizzazione dell’opera: traduttori, impaginatori, illustratori, redattori e così via. Si incontra poi il sommario (che però può anche trovarsi alla fine del volume), con i titoli dei capitoli e i relativi numeri di pagina.

Il cuore del libro: il corpo del testo

Ed eccoci arrivati al cuore del libro, perché è a questo punto che inizia il testo vero e proprio. Di solito è suddiviso in capitoli, spesso anche in paragrafi e in sottoparagrafi, e in cima alle pagine ci sono le testatine, che permettono al lettore di non perdere mai l’orientamento. Infine una nota sui numeri di pagina: sulle pagine di sinistra ci sono sempre numeri pari e sulle pagine di destra sempre numeri dispari.

Struttura esterna del libro

La mia professionalità al tuo servizio

Se anche tu ti occupi di libri e vuoi contattarmi, sarò felice di mettere la mia professionalità al tuo servizio! E se dopo aver letto questo articolo sai qualcosa di più sulla struttura del libro, condividilo sui social e diffondiamo il piacere di leggere!

Tiziana Gilardi
Editor freelance per l’editoria e web editor. Adoro trasformare un testo in un buon testo rendendolo chiaro, efficace e in sintonia con la grafica. E naturalmente senza l’ombra di un refuso. La mia mission: eliminare qualsiasi ostacolo tra il testo e la mente dei lettori e diffondere a piene mani il piacere di leggere.
My Latest Posts
Come nasce un libro?
La regola delle 5 W
prev
next
Your Comments
    • Grazie Laura! È sempre bellissimo incontrare sulla propria strada persone con cui si condivide una grande passione! Ti auguro una buonissima giornata e splendidi viaggi attraverso i libri…

    • Grazie a te Lucrezia per le tue parole! Quando mi capita di avere tra le mani un ottimo libro, mi viene spontaneo pensare che dietro a quell’opera ci siano un ottimo autore, un altrettanto bravo editor e un buon grafico che hanno lavorato insieme per trasformare un libro in un ottimo libro. Grazie ancora e buona scrittura!

  • Grazie della spiegazione.
    Secondo Treccani, il colophon può essere chiamato anche “soscrizione” oppure “sottoscrizione”. Mi chiedevo se ci fossero dei nomi alternativi per la prima, seconda, terza e quarta di copertina.

    • Buongiorno Giacomo e grazie per il suo commento. La quarta di copertina viene anche detta “retro di copertina” o “controcopertina”, mentre quando si parla genericamente di “copertina” si intende la prima di copertina. Per “seconda” e “terza” di copertina non mi sembra ci siano sinonimi. Spero di esserle stata utile. Buona giornata!

Lascia un commento

Nome*
Email*
Sito Web

Shares